venerdì 5 ottobre 2012

Striscia l'immondizia

Questo è il testo della lettera che ho inviato ad Alberto Salaroli, mio amico e paziente, produttore di striscia la notizia:

Ciao Alberto

mi sono visto la seconda puntata di Moreno Morello. 
Capisco che si debba fare sensazione ma sono state dette così tante bugie che mi pare un servizio indegno.
Sicuramente i dentisti croati usano le stesse attrezzature e materiali ed hanno la mia stessa preparazione.
Non è stato detto che il dentista croato per i croati è caro come il dentista italiano per gli italiani, la differenza del costo è insita nel differente costo della vita.
Ma anche il dentista più bravo del mondo se costretto a tagliare sui tempi per rispettare la durata della vacanza dentale non potrà fare un lavoro corretto, pertanto scegliere questa soluzione è per definizione sbagliato.
Io sono anche odontotecnico, conosco i tempi e le lavorazioni di laboratorio, quello che ha detto l'odontotecnico barbuto è assolutamente falso.
A questo punto mi chiedo, a che pro infierire su di una categoria che al pari della popolazione è in crisi e che non potrà competere con i prezzi croati?
Il mio tecnico fa pagare a me il ponte di quattro elementi oltre i 1.000 euro, ed a questi soldi vanno aggiunte ore, materiali di impronta e monouso, la responsabilità del lavoro ed una mia retribuzione oraria di professionista che per arrivare ad essere dentista ha dovuto sostenere le spese di una laurea e di centinaia di migliaia di euro di investimento.
Darete alla nostra categoria una possibilità di replica? qualcuno ha anche valutato che sono soldi italiani che finiscono all'estero? sono stati verificati i titoli di studio degli operatori.
Avete tolto la dignità ad un lavoro medico che richiede competenza, esperienza, manualità ed onestà etica, riducendolo all'acquisto di una merce.

Veramente non capisco a che pro è stato fatto, ti saluto tristemente Germano

3 commenti:

  1. Ciao Gemano, mi piacerebbe proprio sapere se ti ha risposto.

    RispondiElimina
  2. Questa sera in puntata ci dovrebbe essere una replica da parte di ANDI.

    Andrea

    RispondiElimina